Home Contattaci Dove Trovarci    | |  Pagamenti e Spedizioni Cerca nel sito CARRELLO
Per ordini telefonici
095 311939
- CERCA NEL SITO -
EDIZIONI  TIPHERET BASTOGI  EDITRICE
Spedizione in tutta ITALIA con PAGAMENTO alla CONSEGNA o con BONIFICO
Aggiungi all'ordine 
                                                                   Prezzo   € 14,00    
                                                                                    
Stefano Grossi
Separazione e vulnerabilità. 'Emmanuel Levinas e l'idea di Creazione'
Lo trovi alla Sezione:
Ebraismo
ingrandisci: A - A - A

Lo studio analizza come E. Lévinas usa l'idea di creazione in relazione agli altri temi più importanti del suo pensiero.
Il presente lavoro affronta i testi filosofici da De révasion (1935) a Dì Dio che viene all'idea (1982) per estendersi anche alla produzione più direttamente religiosa: commenti talmudici e scritti sull'ebraismo.
Così il lettore che si avvicina per la prima volta a Lévinas può trovare un'introduzione alle questioni fondamentali della sua riflessione e alla loro evoluzione; mentre, chi ha già familiarità con il nostro autore può scoprirne un lato meno noto e studiato.
Per Emmanuel Lévinas, infatti, l'idea di creazione non rappresenta principalmente un'affermazione teologica da cui derivare delle conseguenze su Dio, sul mondo e sull'uomo.
Piuttosto è segno della sapienza biblica anticotestamentaria che stimola la filosofia a rovesciare alcuni assunti considerati inoppugnabili dal pensiero occidentale come il primato dell'ontologia e della conoscenza sull'etica, il primato dell'io sul tu dell'altro.

INDICE

Introduzione

PARTE PRIMA

Da Atene guardando Gerusalemme

1. Gli scritti fino agli anni sessanta Primi accenni all'idea di creazione
- 1.1 De l'evasion (1935): creazione ed evasione dall'essere

- 1.2 Dall'esistenza all'esistente (1947): la creazione e il cominciamento del soggetto
- 1.2.1 La creazione e l'istante
- 1.2.2 La creazione e il mistero del tempo
- 1.2.3 L'idea di creazione: un contrafforte

- 1.3 L'idea di creazione e la relazione dell'uomo con l'essere

- 1.4 Tre testi "minori" dal 1948 al 1953
- 1.4.1 Il Tempo e l'altro(\948): creaturalità e apertura al pre-originario
- 1.4.2 La realtà e la sua ombra (1948): creazione e trascendenza
- 1.4.3 Libertà e comando (1953): creaturalità e non violenza

2. Gli scritti degli anni sessanta l'idea di creazione giunge a maturità
- 2.1 Totalità e Infinito (1961): creazione e infinito
- 2.1.1 Tra bisogno e desiderio: la tesi principale
- 2.1.2 Separazione e discorso: creazione e temporalità
- 2.1.3 Creazione, verità e giustizia
- 2.1.4 Separazione, creaturalità e assoluto
- 2.1.5 Creaturalità, psichismo, separazione
- 2.1.6 Trascendenza e creazione

- 2.2 Tra Totalità e Infinito (1961) e Altrimenti che essere (1974)
- 2.2.1 Il significato e il senso (1963): traccia, causalità e "a immagine di Dio"
- 2.2.2 Umanesimo e an-archia: \'ex nihilo della creazione ?

3 Altrimenti che essere: creazione e vulnerabilità
- 3.1 La critica di Jacques Derrida

- 3.2 La risposta di Lévinas: un linguaggio non ontologico
- 3.2.1 "Dire l'indicibile"
- 3.2.2 Dall'intenzionalità al sentire: creazione e an-archicità
- 3.2.3 Sensibilità e prossimità
- 3.2.4 La prossimità, gloria dell'Infinito
- 3.2.5 La sostituzione: creazione come passività illimitata

- 3.3 Conclusioni su Altrimenti che essere

4. La raccolta Di Dio che viene all'idea L'esaurirsi del molo dell'idea di creazione
- 4.1 Dalla coscienza alla veglia. A partire da Husserl(\9l4)

- 4.2Dioelafilosofìa(\915)

- 4.3 Note sul senso (1981)

- 4.4 Trascendenza e male (1978)

5. La funzione dell'idea di creazione
- 5.1 Precisazione dell'idea di creazione
- 5.1.1 Come non va intesa 'creazione'
- 5.1.2 Un modo adeguato di intendere 'creazione'
- 5.1.3 La costellazione semantica di 'creazione'
- 5.1.4 Precisare l'idea di creazione

- 5.2 Il ruolo dell'idea di creazione nel pensiero di Lévinas
- 5.2.1 Le varie funzioni svolte dall'idea di creazione
- 5.2.2 L'articolazione delle varie funzioni

5.3 Alcune valutazioni

5.4 Questioni aperte
- 5.4.1 La visione dell'uomo
- 5.4.2 La visione dell'ontologia

PARTE SECONDA

Tra Atene e Gerusalemme

6. Ebraismo e riflessione filosofica in Lévinas

- 6.1 Filosofo e lettore del Talmud

- 6.2 La lettura sulla "Tentazione delle tentazioni"

- 6.3 Rivelazione, Scrittura e Tradizione

- 6.4 Ebraismo e grecità

- 6.5 Cosa ne pensa Lévinas
- 6.5.1 Fondazione del filosofico nel pre-filosofico
- 6.5.2 Universalità etica dell'ebraismo
- 6.5.3 Sapienza greca e lingua greca

7. Le dimensioni della creaturalità: espansione di un 'idea
- 7.1 La temporalità: ex-nihilo e senso dell'inizio
- 7.1.1 Ex-nihilo aporia del pensiero ontologico
- 7.1.2 II tempo

- 7.2 L'uomo essere creaturale
- 7.2.1 Eros, paternità e filialità
- 7.2.2 La condizione di mortalità

Tavola delle abbreviazioni
Bibliografia

Pagine 232

Aleph Edizioni
   
Prezzo € 14,00  
  
Pagamento alla Consegna oppure con Bonifico
Aggiungi all'ordine 
Torna Indietro
Antica Libreria Esoterica - Libri e Pensieri di Caruso Massimo Antonio Luca - P. Iva 04368090876
Libreria Esoterica, Orientalistica, Alchemica e Spiritualistica
sita in Via Carcaci, 14 - 95131 Catania (CT) - Italia. Tel 095 311939
Copyright © 2004 - 2018 Tutti i diritti riservati ad Antica Libreria Esoterica Libri e Pensieri
di Caruso Massimo Antonio Luca
Condizioni di Vendita Informativa sulla Privacy
Contatta il webmaster