Home Contattaci Dove Trovarci    | |  Pagamenti e Spedizioni Cerca nel sito CARRELLO
Per ordini telefonici
095 311939
- CERCA NEL SITO -
EDIZIONI  TIPHERET BASTOGI  EDITRICE
SPEDIZIONE in tutta ITALIA solo con POSTE ITALIANE

accettiamo solo PAGAMENTO ANTICIPATO con BONIFICO o POSTAGIRO
Aggiungi all'ordine 
                                                                   Prezzo   € 11,00    
                                                                                    
Vittorio (Eugenio) Grazzini
8 Marzo 1944: Il segreto!
I ricordi di un insegnante cattolico e di un medico dalle idee liberali
Pagine 128
Lo trovi alla Sezione:
Storia
ingrandisci: A - A - A

L'opera non può essere definita un libro di storia in senso stretto, ma si tratta piuttosto della drammatica "esperienza/memoria" di un barbiere, Dino Grazzini, che l'8 marzo del '44 fu deportato nei lager tedeschi di Mauthausen ed Ebensee.
Il ricordo di quegli "avvenimenti vissuti" da Grazzini è "affidato" allo stesso figlio del deportato, "Eugenio", "testimone privilegiato" che fedelmente racconta in prima persona tragici fatti di Montelupo e dei campi di sterminio. Le pagine mettono in risalto il personaggio del barbiere che, ritornato in un paese "martoriato dalla guerra e dal dramma della deportazione" riabbraccia i familiari per ricominciare a riprendere l'attività.
In questo "racconto/memoria", dove "Eugenio" Grazzini e i suoi familiari sono il pubblico privilegiato, cominciano a riprendere vita (mediante un lungo e mai interrotto monologo) i "fantasmi" di coloro che con il Grazzini furono arrestati e deportati. Tra questi "fantasmi", i cui corpi rimasero sperduti nelle "terre tedesche", emergono in modo autorevole le figure del maestro cristiano Giuseppe Lami (sciaguratamente deceduto nei mesi di prigionia), e di Giuseppe Baroncini, il medico dalle idee liberali, le cui rivelazioni appaiono ancor oggi davvero drammatiche. Tuttavia, all'interno della narrazione non si tralascia di mettere in luce neppure altre personalità montelupine deportate, molto importanti sotto il profilo umano e culturale e che ancora oggi potrebbero offrire adeguati spunti di riflessione per le generazioni odierne…

Aleph Edizioni
VITTORIO (EUGENIO) GRAZIIMI. Nato a Montelupo Fiorentino il 13 giugno 1931, è il figlio di Dino Grazzini, un ex deportato nei campi di sterminio di Mauthausen ed Ebensee. Vittorio Grazzini, nella seconda metà degli anni quaranta del 1900 apprende dal padre i primi racconti delle angherie sofferte dai deportati nei lager tedeschi Per questo motivo, egli, oltre a svolgere l'attività di barbiere ha iniziato a impegnarsi, prima da solo, poi nell'A.N.E.D. (Associazione Nazionale ex Deportati e familiari) presso la comunità locale affinchè il "dramma delle deportazioni" nazi - fasciste non fosse dimenticato. Una volta maturata l'età della pensione ha dedicato ancora più tempo a questa "missione" recandosi presso le scuole medie per rendersi d'aiuto alfe lezioni degli insegnanti ed accompagnare le classi in visita ai campi di concentramento. Fino ad oggi sono migliaia i ragazzi che ha incontrato nelle scuole e nei numerosi viaggi presso i lager. Con alcuni di essi continua a mantenere significativi contatti ed in alcuni casi pure singolari amicizie. Dopotutto, Grazzini ama dire: "I giovani sono la carta su cui puntare per avere un futuro più umano!".
   
Prezzo € 11,00  
  
SI POTRÀ PAGARE ESCLUSIVAMENTE CON BONIFICO O POSTAGIRO ANTICIPATI
Aggiungi all'ordine 
Torna Indietro
Antica Libreria Esoterica - Libri e Pensieri di Caruso Massimo Antonio Luca - P. Iva 04368090876
Libreria Esoterica, Orientalistica, Alchemica e Spiritualistica sita in Via Carcaci, 14 - 95131 Catania (CT) - Italia. Tel 095 311939
Copyright © 2004 - 2017 Tutti i diritti riservati ad Antica Libreria Esoterica Libri e Pensieri di Caruso Massimo Antonio Luca
Condizioni di acquisto e Informativa sulla Privacy
Contatta il webmaster